in

Casa Verde e Grandilandia

C’erano una volta, nel paese di Casa Verde, due sorelle gatte e un’ape, che adoravano trascorrere del tempo insieme.

Zelda e Ilda si divertivano a rincorrere Reginella, che adorava svolazzare sopra le loro teste.

L’ape Reginella era solita mangiucchiare i fiori di Casa Verde, per poi spostarsi fino a Grandilandia.

Lì cercava i fiori più belli, nei parchi, nei giardini e nei balconi degli umani.

 

• Ehi Reginella, dove te ne vai di bello oggi? – domandò la gattina Zelda.• Vado a succhiare un po’ di fiori a Grandilandia.• Con quel caos! Io sto bene qui nella mia bella Casa Verde – le rispose Ilda.• Ora è tutto cambiato, sapete? Grandilandia non è più la stessa. Pochi umani, non ci sono più quegli aggeggi che loro chiamano macchine, persino l’aria è diversa.• Ma dai – rispose Zelda – e cosa è successo?• Venite con me e ve lo spiego.

 

Le due gatte e l’ape Reginella si lasciarono così alle spalle Casa Verde e si incamminarono verso Grandilandia.

Mano a mano che si avvicinavano, Zelda e Ilda guardarono con i loro occhi quello che Reginella le aveva raccontato poco prima.

 

• Ma qui è tutto diverso – ammise Ilda.• Dove sono gli umani? – chiese Zelda.

 

L’ape Reginella si poggiò sopra un bel tulipano, le succhiò il nettare e disse:

 

• Mmmmm che buono, sembra di stare in mezzo alla natura. Non sentite anche voi? Sembra che ogni cosa abbia di nuovo il giusto sapore.• Noi non mangiamo fiori – scherzò Ilda. Cosa è cambiato, raccontaci, vogliamo sapere, cosa è successo?

 

Reginella si mise comoda e cercò di spiegare tutto.

• Dovete sapere che qui è arrivato un potente Virus, un mostriciattolo chiamato Corona oppure Covid19, una parola così strana, ah gli umani… – disse Reginella.• Virus? – chiese Ilda – Cos’è? E cosa ha fatto agli umani per non farli più correre con quegli aggeggi, l’aria era irrespirabile.• E poi ve li ricordate? Sempre così di corsa – riprese Zelda – chissà dove correvano e poi pochi sorridevano.• Si – spiegò l’ape Reginella. Gli umani non si fermavano mai, presi dal lavoro e dagli impegni, non si soffermano mai a guardare davvero un tramonto, a gioire per una rosa che sboccia. Non sanno godere del loro tempo.• Oh, questo è vero! – disse Ilda – Io e Zelda viviamo intensamente ogni minuto della giornata. Ci sdraiamo al sole, nel grande prato di Casa Verde.• Noi gatti sappiamo come fare per rimanere sempre sereni – le feco eco Zelda – Viviamo l’attimo, ascoltiamo e respiriamo il sole che ci ilumina il musetto.

 

Le due gatte chiacchieravano amabilmente con Reginella. Le raccontavano del loro dolce far nulla, che serviva per riprendere l’energia e ripartire ancora più cariche.

 

• Gli umani hanno un difetto. Credono che fare più cose insieme abbia senso. Ma cosi non riesci a sentirne mai il gusto – disse Zelda.• Sono d’accordo – rispose Reginella.• Quando mangio, io non riempio solo la mia bocca ma tutto il corpo. Quando sono felice, faccio le fusa. Quando non sono d’accordo con qualcuno, miagolo e mi faccio sentire – spiegò Ilda.

 

• Già – riprese Reginella – sembra che noi animali sappiamo godercela di più.• Ma spiegaci – chiese Zelda – cosa fanno gli umani adesso che il loro tempo è così lungo?

 

Reginella sorrise. Ora che sono sempre a casa hanno scoperto tante cose, a cui prima non badavano.

 

• Ok spiegaci – chiesero all’unisono le due sorelle gatte.• Stando a casa, hanno capito che siamo noi a dare valore al nostro tempo. Quindi fanno tutto ciò che vogliono, quello che gli piace davvero. Trascorrono più tempo con i loro piccoli.• Presi dai loro lavori – disse Ilda – non riuscivano mai a dedicarsi completamente ai loro cuccioli.• Poi – chiese Zelda – cos’altro?• Non ci crederete – continuò Reginella – hanno ripreso a cucinare.• Ripreso? – disse Ilda – non capisco. Gli umani non mangiavano?• Ma si cara Ilda, mangiavano perchè dovevano. Ma ora, non ci crederete, li ho visti da un balcone mentre mi ero appoggiata sopra ad una pianta di rosmarino, un’umana stava cuocendo qualcosa che loro chiamano pane. La sua cucciola, dovevate vedere com’era contenta. Ora mangiano per essere felici, per condividere.

 

Le due gatte e l’ape raggiunsero un giardino di Grandilandia. Proprio lì c’era una piccola umana, Alice. Nel suo visino, cadevano copiose lacrime.

 

• Cosa succede a quella piccola? – chiese Zelda.• Possiamo provare ad avvicinarci – rispose Ilda.

 

Le sorelle si avvicinarono ad Alice. Cominciarono una danza dolcissima, tra le sue gambine. Sembravano due ballerine. Si intrecciavano e la guardavano.

 

• Cosa fate, dispettose? – sorrise la piccola umana.• Siamo qui per quelle brutte lacrime – disse Zelda.• Si piango, per colpa del Coronavirus.• Si, Reginella ci ha spiegato. Hai paura?• Si, perchè quel mostriciattolo ha fatto diventare mio nonno un angelo.

 

Le gatte e l’ape si guardarono tristi. La piccola umana aveva bisogno di aiuto.

Zelda, Ilda e Reginella invitarono così Alice ad attenderle lì nel suo giardino, visto che ora gli umani non potevano uscire di casa.

La piccola umana le aveva raccontato di suo nonno, Mario. Di come amasse gli animali selvatici, di come la loro libertà lo aveva sempre affascinato.

 

• Vuoi un modo per sentirlo ancora vicino, Alice?• Si, lo vorrei tanto.• 

Cosi arrivarono in un boschetto, poco fuori Grandilandia e lì sapevano di trovare un’amica, Gina la volpe.

• Ginaaa, ci sei?• Ehi Gina, dai vieni fuori. Dobbiamo presentarti Alice.

Gina era una volpe con un manto meraviglioso, un arancione caldo come quello dei tramonti più belli.

• Cosa c’è – rispose contrariata.• Alice ha perso suo nonno. Lui amava gli animali, adorava il nostro spirito libero e così ho pensato che la piccola umana non aveva mai visto da vicino una volpe.

 

La convinsero a seguirle fino alla casa di Alice.

 

• Sono qui – disse Gina, facendo una piccola giravolta.• E’ davvero bella. Posso accarezzarla?• Va bene – disse Gina, lasciando che la piccola Alice posasse la piccola manina sopra al suo manto.

 

Gli occhi della bambina si illuminarono. Zelda, Ilda, Reginella e anche Gina sapevano di aver fatto un bel gesto. Nel momento di difficoltà, gli amici fanno questo, ti aiutano a ritrovare un motivo per sorridere.

La piccola umana sentiva suo nonno Mario vicino.

 

A causa del Coronavirus, non aveva potuto salutarlo per l’ultima volta. Ma ora sapeva che ogni volta che un animale si lasciava accarezzare, ogni volta che un fiore sbocciava e un’ape ne succhiava tutto il sapore, ogni volta che una gatta dagli occhi verdi e ammalianti si strusciava tra le sue gambine, suo nonno era lì, a raccontargli una storia.

 

A dirle di come la natura sia meravigliosa. Di come la lentezza aiuti il pianeta Terra a respirare profondamente, di come umani, animali, piante, fiori possono convivere e gioire della bellezza autentica.

 

• Non aver mai paura Alice – disse Ilda – il silenzio, la tranquillità, i nostri cari, la natura, la luce dell’alba che lascia intravedere la montagna e il mare, l’immaginazione, persino la noia, queste sono le cose che dovrai amare quando sarai grande. Pensa a tuo nonno, amava gli animali, anche quelli più dispettosi, perchè sapeva che siamo tutti importanti e insieme faremo in modo che quel mostriciattolo del Coronavirus vada via per non tornare più.

 

• Non farti mai trascinare da quella corsa folle che hanno tutti gli umani adulti – disse Zelda – non sanno che un passo alla volta si possono raggiungere le vette più maestose.

Cosa ne pensi?

1 Blop
Blop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Recensione "Gli occhi degli orologi" di Giorgia Spurio

L'ultimo treno