in

OLTRE I MURI, GESÙ

Laggiù,

ero di vedetta,

rami di ulivi

elusero

il giogo pesante 

in una Babele

insorta.

Avevano costruito,

pietra su pietra,

un muro di divisione,

una cortina 

posta 

per confinare,

per rinserrare,

per demarcare.

Ma Gesù

risorse

in quell’ anfratto di Luce

che Tutto

unisce.

Rosita Matera

Cosa ne pensi?

76 Blops
Blop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Su solitudine, desiderio e massificazione…

La comparsa: Vita, morte e miracoli di Agazio Sanguedolce