in

LE MUSICALITÀ SOSPESE

Mi sono avvolta nel caldo scialle

dei canti e delle assonanze,

scompaginando il rivo stagno

delle apparenze.

Oggi ho nel cuore

un seme di luce,

lo ha deposto l’ estate 

prima ancora che giunga.

Il sole scivola su braccia di abeti,

nel polifonico coro di stormi lievi.

Galleggia il giorno su cerchiate d’ avena

che erompe prospera sul petto, solenne:

s’ infervora ed esce dallo steccato sghembo

e rivolta la giubba sfiancata dal verno.

Ora è cometa nel giardino di maggio,

s’ empita la bocca di prosperi accenti.

E di miele il suono ripetuto a mezz’ aria,

strofinìo nell’ ancia del flauto traverso.

E nella partitura del garrùlo mese

gli acuti son trombe di angeli o uccelli 

che vollero ali per campiture ad Oriente, 

I’ oro li ammanta in un’  aura sapiente.

ROSITA MATERA, 2022

Cosa ne pensi?

63 Blops
Blop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cara brezza dell'alba dove sei?

Fesbuk 1