in

NEVE SU ROTTERDAM

Il treno a vapore fischio a Rotterdam, in Gennaio,

addensai la posa sul muro e il granaio.

Intrapresi un viaggio, poi tornai indietro, 

su prospettive aleatorie di vento. 

Stetti come un velo sul cuore del cielo,

nella conta sommaria dei passi, 

sui campi.

Le contadine,

in scialli consunti,

si strinsero in gruppi di quattro 

per non gelare il pensiero.

Ma io scendevo ad ogni stazione,

la mia voce era fertile fuoco di coltre. 

Sui tetti di Rotterdam ricamai meraviglie,

 un merletto il sole, balenava tra i tigli.

Ma non scelsi mai dove cadere,

 seguii solo il canto 

delle mie ali leggere.

Rosita Matera

Cosa ne pensi?

45 Blops
Blop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

APÒ TU LEREIN

stralcio di email al monsignore