in

LUCE DEL MATTINO

Mattino,

venisti a me

in stormi d’ uccelli

disposti in forme

di arco radente.

Venisti a me

in vapori d’ Oriente

su nebule accese

ad intervallo costante,

in migrazioni

abbrunite

da collinari dossi.

E ti sentii addosso

come benedizione

del Tempo,

e del giorno che

schiudeva l’ antera.

Venisti a me

in giochi di vento,

su tele di croco e zafferano,

onusto di mari a grano.

Mi cola nel cuore,

mattino,

la bianca tesa

del tuo tenero ordito,

abbracciami,

ed anch’ io

sarò 

luce d’ infinito.

ROSITA MATERA

Cosa ne pensi?

51 Blops
Blop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Volersi bene…

FLÂNEUR