in

Inutile perdono

Un sorriso

Perso nella nebbia

Del ricordo

È quanto mi hai lasciato.

Non sono riuscito a chiedere

Né a darti di più

Di un folle, irresponsabile amore.

Sei fuggita disgustata

Dal tuo terribile errore

Perché ti sei accorta di aver

Condiviso attimi

Con un perfetto sconosciuto

Pericoloso nel suo mimetismo.

Ho il cuore che basta

Per comprendere ciò

Ma non il coraggio di chiederti

Con una bocca nuova

Le vecchie scuse che da sempre ti devo.

Poi questo perdono

Sarebbe dato ad uno sconosciuto

Per una passione che non ha mai commesso.

Cosa ne pensi?

0 Blops
Blop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

La Signora, Priscilla e la cosa da matti

LETTERA 32 (Potenos)