in

MAGNALIA

Rinfresca la marea

su vecchi girasoli,

il tempo s’affaccia alla finestra

sul tremitìo di specchi,

e nel cuore di foreste

s’ammuffa la lineata stanca,

sbuffa sui bulbi innacquati,

nella cuna della baia annerrita

su gomiti di salgemma.

A ridosso del biancospino

un romorio di ghiande,

di pioggia sulle serrature,

di gàlbuli crespati di neve

nella costura di lune traverse.

Sporge il giglio

sull’unghia di calce,

si scompone il lezzo amarantino

sulla fronte di un mago dipinto

nell’orlo di legno,

scompare nel lago

di cerchi impetrati,

si sversa in dotti di trecce

navigati dall’ignoto

sopra un corpo di diamante.

Thea Matera ©️

(Dal libro:” CARTEGGI PERPENDICOLARI ” –   Amazon.it, Copyright 2022©️)

Cosa ne pensi?

29 Blops
Blop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

IL CAMMINO DEL GIORNO NELL' ORA CHIARA

Una riflessione sulla guerra