in

PORPORATA DI MARZO

PORPORATA DI MARZO

I sassi,

ranicchiati,

in dormiveglia,

rivolgono il lato d’ oro ad Est.

S’  avvitano in velluti

di talli e muschi sparsi.

È un velo d’ acquerello

 l’ alito del vento,

carezza porporata di papaveri chiassosi.

Declivi

dove l’ occhio mio si perde,

umori freschi di ginestre,

erba sapida in canestre.

Lo stupore dell’ alba

porta ancora l’ oro in bocca,

si sfarina in rivoli di brina,

resto in piedi, è già mattina.

Il giorno è in avanzata ascesa,

lenzuola e brina in bianca stesa

tra verdi colate di giardini,

nella resa tiepida di tremuli acquitrini.

ROSITA MATERA

Cosa ne pensi?

46 Blops
Blop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ABBRACCI DI CIELO

Due parole sul corpo e sul sesso…