in

Ros

ROS

Si chiamava Ros. E che io sappia si chiama ancora cosi’. Anche se non ho proprio idea di dove sia andato a finire. E se vogliamo questo e’proprio il suo stile. Ha superato i sessanta, quasi verso i 70. Lo conobbi piu’ di trent’anni fa.  Jeans, camicia hawaiana, capelli lunghi, perenne sigaretta incollata al labbro. Lo conobbi perche’ si innamoro’ di una mia amica d’infanzia. Una moracciona anticonvenzionale che studiava Scienze politiche come me. Per starle accanto mise in piedi in quattro e quattr’otto un negozietto di bigiotteria . Lo andavo a trovare spesso, nella zona storica di Ostuni, a fianco ad un bar famoso che aveva preso il nome da un famoso cantante lirico di quei lidi: Tito Schipa. Interi pomeriggi in cui assistevo a lezioni di vendita di un bene voluttuario, la bigiotteria. Ma la bigiotteria era una scusa. Le donne volevano parlare con qualcuno. Volevano qualcuno che le facesse sentire importanti anche solo a bersi l’inganno di frasi come : guardi questa collana come la sfina e la ingentilisce-davanti ad uno specchio che aveva il potere di rinpicciolirti- guardi come la rende intrigante. Cose cosi’. Ros aveva vissuto mille vite in mille posti diversi. Era di Poggio Marino, credo. Campano quindi. Ma aveva vissuto a Bologna dove aveva conosciuto un altro grosso esponente della vita di strada : Beppe Maniglia, un culturista vegetariano che suonava in strada con la chitarra elettrica brani di Santana e faceva esplodere borse d’acqua calda con la forza dei respiro. E di Bologna aveva preso l’accento e la spocchia cittadina di quando si viene a contatto con la provincia. Una provincia dei sud. Soccia, raga’, quando accendi il gas anche il fuoco qui va lento, diceva a volte. Ed era stato a Roma, dove aveva lavorato in un negozio di import-export di vestiti con Bali e Thailandia. Il suo socio era un ex di Autonomia operaia che aveva finito per tifare Lazio. A Roma era noto come Ivano. A Bologna come Ros. Credo fosse il diminutivo dell’archetipico campano Rosario. Ad Ostuni alloggiava in una casupola del  Centro Storico, quartiere Terra. Per lui era la dimora piu fantastica del pianeta , perche’ha finestra dava sulla marina di Ostuni, con la sua spianata di ulivi secolari che parevano un esercito di giganti millenari a difesa delle murge. Li’ a lume di candela leggeva Castaneda e Kerouac. Due autori che gli avevano tracciato una via per la vita.  Castaneda si sposava perfettamente con la sua spiritualita’ partenopea. Kerouac gli aveva insegnato che l’importante era andare. Non importava dove, perche’ se non sapevi dove stavi andando poteva pure essere meglio. Cosi almeno non potevi perderti. Poi l’amore fini’ e lui che era uno che viveva per amore e d’amore, uno per cui l’amore veniva sopra ogni cosa e soprattutto in barba a qualsiasi convenzione sociale, impazzi’ dal dolore. Segui la sua bella a Bari, dove lei si era trasferita con la scusa dell’Universita’ . Ogni giorno, da Ostuni, prendeva il treno  con una valigetta piena di bigiotteria al seguito e scendeva a Bari . Faceva il giro delle gioiellerie e vendeva la sua mercanzia. Era bravo a vendere perche’ vendeva la sua simpatia, la sua fantasia , la sua arte di far vivere i sogni. Ma l’amore fini’ dei tutto . Non per lui. Resto’ ancora un anno  circa vivendo onestamente di onesti espedienti. Poi quando capi’ che era finita se ne ando’ a Roma. Che per lui c’era sempre un posto nel negozio di import-export dei suo amico . Lo rividi dopo anni. Mi telefono’ dicendomi che voleva presentarmi la sua nuova fiamma . Era venuto in vacanza con lei da qualche parte nella marina di Carovigno . Era una mattina d’estate e li raggiunsi in un bar sul mare. Ci abbracciammo.  Lei era bellissima. Ed era la fotocopia gemella della mia amica. E’incredibile l’amore cosa puo’ produrre. Crea bellezza ma anche inganni. Era ancora innamorato della mia amica . Ma cosi’ tanto innamorato da essersi legato per sempre a quell’immagine cercata e trovata in un altra donna. Ma non fece in tempo a dirmi di non sottolineare quella somiglianza che mi sfuggi’ di farglielo notare. Stetti molto male per quella gaffe, per molto tempo. Ma lui non me lo fece mai pesare. Perche’ era buono come un pezzo di pane. E io mi sono sempre legato in amicizia con i pezzi di pane e mai con i pezzi di merda…che tanto piacciono  all’italiano medio ammiratore dell’uomo forte. Non lo rividi piu’. Sono anni che non lo vedo. Lo immagino all’inseguimento dell’amore, l’ennesimo, rischiando sempre tutto senza raccogliere quanto dovuto e ambito nel modo in cui lo vorrebbe lui. Senza vestirsi in giacca e cravatta per fregare il prossimo con titolo di studio e belle parole.  Ma con gli occhi del malocchio a chi gli vuol male, nel ricordo di Castaneda. E sempre in movimento.  Come Kerouac. Perche’se ti muovi sempre anche se le persone cambiano e tu no, c’e’ sempre la speranza di ritrovarsi comunque. Come ha scritto Castaneda in uno dei suoi libri, la vita di uno sciamano o di un guerriero dello spirito ha una ricapitolazione  , ad un certo punto. Devi incontrare i vecchi amici e scusarti con loro. Beh, Ros, questa e’ una delle cose che faro’ anche con te. Anche se non sono uno sciamano.Per quella volta in cui me ne potevo stare zitto e invece ti ho.lasciato in balia del fuoco amico. Di lei che dice, hai visto? Pure lui dice che assomiglio a lei!

Cosa ne pensi?

1 Blop
Blop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sono

Guerriero sconfitto