in

UOMO, TU CHI SEI?

Una è la pietra

da cui parte il fortunale, 

del lavoro dei campi,

delle donne chine, al mare.

La stessa pietra

divide in due la serra,

ed una fertile lingua di terra.

E dalla biforcazione 

di semenze e di sentieri

 si annoda  il tempo di oggi e di ieri. 

E da una pietra moltiplicata,

affastellata una sull’ altra,

incuneata in maniera soppesata

per poter erigere un muretto, 

gli uomini raccontavano

al vento il suo mistero 

giungendo fino ad oggi

 a me, e  al mio pensiero,

echeggiando da una  pietra

sul gravido sentiero.

 Mi racconta la pietra 

di quel tempo

 in cui ancora si viveva 

 di tramontane  e lunazioni 

della secca dei frutti buoni, 

e moltoplicando un seme 

 in Luna crescente 

bastava alla vivenza

di creature, nidi e campi.

E I’ uomo, credeva,

davanti al fuoco, fra le ombre,

all’  importanza delle proprie impronte,

a tutto ciò che dietro di sé lasciava, 

all’ eredità di un disegno nella cava.

E quando ci si chiedeva ” UOMO, TU CHI SEI?”

bastava respirare Ie stelle con gli dei.

ROSITA MATERA

Cosa ne pensi?

64 Blops
Blop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Senza Titolo

Il suono del silenzio