in

Diventare scrittori

Come nasce l’idea di un libro? Be’… dipende principalmente dal libro. Immagino che chi decide di scrivere un libro di ricette, sia quantomeno un appassionato di cucina. Io scrivo romanzi. Al mio attivo ne ho quattro già usciti ma altri due sono in attesa di spiccare il volo. I miei inizi però partono dai racconti brevi, passione che non ho assolutamente abbandonato. Non c’è dubbio però che i romanzi impegnino di più. Inoltre io non riesco a seguire un filone prestabilito. Ogni mia storia è diversa dalle altre. Ma andiamo alla domanda iniziale: come nascono le mie storie? O come nasce l’idea che poi scaturisce in una storia vera e propria? Nel mio caso potrei dire con sicurezza che nasce principalmente dalla voglia di raccontare. “Io Volo” il mio primo romanzo, è nato dalla mia voglia di far conoscere il mondo degli aquiloni acrobatici. Molti, dopo averlo letto, credevano fosse un romanzo autobiografico. Poteva ingannare l’ambientazione, visto che siamo tra Mestre e Venezia, la mia zona, ma questa non è la mia storia. Arianna è un’insegnante di scuola elementare con la passione della fotografia. Frequenta il parco di San Giuliano a Mestre, un polmone verde che arriva fino ai piedi della laguna veneziana. Quando si siede per riposare un po’, scorge due aquiloni in volo. Nota che sono manovrati da due ragazzi. Ne rimane così affascinata che ben presto fa amicizia con Elisa e Sergio, i due piloti. Quando torna a casa, è felicissima perché ha ancora tra le mani, la sensazione di aver pilotato un aquilone acrobatico anche se con l’aiuto di Sergio. La storia si inerpica tra vite intrecciate, tra nuove conoscenze e tra una parentela problematica. Ma “Io Volo” è stato principalmente il mio modo di far conoscere il mondo degli aquiloni e soprattutto cosa si prova a pilotare un acrobatico. Avevo voglia di scrivere un romanzo che mettesse in risalto come la passione per una disciplina sportiva come l’aquilonismo acrobatico, aiuti le persone a vivere in un ambiente sano a contatto con la natura imparando a conoscere il vento e ad accettare anche fatiche e frustrazioni oltre che innumerevoli ricompense in termini di sensazioni ed emozioni, come quelle che prova la mia protagonista Arianna, curiosa di scoprire cosa c’è dietro quel volo di aquiloni.

Cosa ne pensi?

0 Blops
Blop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

DONA L'AMORE CHE SCORRE IN TE

A Tale of a Doll