in

YUGEN

Di sogni si tinge il mare

e l’occhio tuo

– dislagata stilla –

che di ricordi di vento

e di stelle marine

si densa, cilestro,

nella vena d’argillite

rischiara la pupilla.

Trasluce la luna

dall’artiglio di risacche

e nell’orbita mesta di ginestre

si schiude l’Universo.

Thea Matera ©️ 

Cosa ne pensi?

37 Blops
Blop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

2 Opinioni

Come due cigni in una palude …

La panchina dei ricordi