in

LA MATITA SDRUCCIOLINA

La matita sdrucciolina

canticchiava ogni mattina

io non voglio disegnare          

e nemmeno accorciare.

Sono lunga e affusolata

bella, a punta, e colorata.

Non mi mettere bambino                                                      

proprio dentro al temperino

lui è forte anche se è vecchio

ed io finisco dentro al secchio.

Se Disegno e mi consumo

non è colpa di nessuno

la carta bianca è il mio regno

e dovunque lascio un segno.

Qualche volta faccio errori

ma camuffo coi colori.

E se devo dirla tutta

non mi va di esser distrutta,

se la gomma mi cancella

io divento ancor più bella.

Cose grandi realizziamo

se mi sai tenere in mano.

Teresa Averta

Cosa ne pensi?

1 Blop
Blop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

L’EDERA CHE NON MUORE

CARISSIMO PINOCCHIO…