in

A te, lontana

Tra tutte le bellezze che splendono davvero

tu, cara, porti appresso luce venerea.

Mentre affronti la tua odissea

sei incanto di gioiello, insieme di rosa e nero.

La tua immagine rischiara le mie tetre giornate,

hai di velluto i grandi occhi, ben più neri del volto

il corpo snello, così caro a un artista assorto

così dolce, come una notte d’estate.

Magnifici come te, fluttuano tra i colori

i tuoi sogni, ricolmi di colibrì e di fiori.

Triste il destino mio, saperti così lontana

e sentirti così tremendamente vicina.

Dentro di me, si alza un vento di tramontana

mentre osservo il mare dal molo della marina

e dentro quell’acqua cristallina

rivedo te, vedo quel tuo sguardo profondo

abisso caldo, senza tempo né spazio

in cui la mia anima si smarrisce.

Ora, il cuor mio è attorniato da bisce

si abbatte su di me tutto lo strazio

di non poter affondare in un tuo abbraccio.

E naufrago senza meta nei giorni

mentre tu, domini tutti i miei sogni.

Cosa ne pensi?

1 Blop
Blop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Krampus – La leggenda è viva

Una volta esisteva l'uomo