in

Un Garofano Sul Letamaio

Il 22 febbraio del 1980 è avvenuto uno dei più crudeli tra gli omicidi degli anni di piombo, tutt’ora avvolto da misteri ed omissioni sui moventi, sui mandanti e sugli assassini: l’omicidio di Valerio Verbano, studente romano di diciannove anni.

  • Chi lo ha ucciso? Perché?
  • Chi ha voluto o assecondato quell’omicidio?
  • Dove sono oggi gli assassini di Valerio, e cosa fanno nella loro vita?
  • Quali intrighi e segreti ancora si celano dietro a quell’efferato assassinio?

L’autore prova a dare delle risposte immaginando uno scenario verosimile, mescolando realtà e invenzione narrativa, attingendo a piene mani e con puntigliosa attenzione e cura, alle cronache ed ai fatti storici reali. 

La storia immaginata è un intreccio di vicende umane, di contaminazioni, di spionaggio, di infiltrazioni, di malaffare, di vendette e d’intrighi internazionali, in particolare tra l’Italia, e la Russia. Relazioni indicibili e tossici interessi tra “amici” e “nemici” sono il Leitmotiv del romanzo, con l’oscura presenza di una misteriosa organizzazione transnazionale che si muove nell’ombra. 

Un intreccio che copre un arco temporale che va dagli anni sessanta del secolo scorso al 2010, legando agli estremi le vicende di due madri.

Cosa ne pensi?

0 Blops
Blop

Rispondi a ValeAnnulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Una Opinione

Tipi da bar

L'HISTOIRE D'UNE VIE (A Cesare Pavese)