in

Non vai via

Ciò che suoni è paura,

ciò che sento è solitudine, disarmante

ed immobilizzante solitudine.

Solitudine, tormento ed ancora solitudine

nonostante continui ad esibirti per metonimia

facendo dei miei sintagmi

arcaicizzanti poliptoti piangenti.

Vorrei che smettessi d’esistere in me

e che mi lasciassi in riva al mare

a giocare con le stelle ed il cielo.

Cosa ne pensi?

166 Blops
Blop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

…nel silenzio che urla il tuo nome

Il mondo fuori da me