in

Il suono dei tuoi occhi

Bagnammo le nostre carni nelle stesse acque calde

ove il tempo giocò col destino.

Poi, come fa una farfalla col suo bozzolo

volasti selvatica nel configurarsi della notte.

   Non posso dimenticarti.

Non posso neanche ora

che le tue mani non toccano più le mie.

Cosa ne pensi?

142 Blops
Blop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Secondo il principio di indeterminazione…

Lettera alla notte