in

MISREAD (La Voce Dello Scrittore)

Un libro è fervido fine,

intrepido percorso, 

sentiero impervio

lastrico di sensazioni, 

di parole finite,

di voci da imprimere 

e pensieri da scartare,

di fogli spezzettati 

ravvolti malamente,

zeppati di grovigli strampalati,

veloci appunti e dimenticanze

quasi a voler congelare il tempo,

l’impressione di un’occhiata 

sfuggente,

l’istantanea sfocata, 

la frase scritta

per tedio o per diletto, 

il ricordo sviato,

appannato e trattenuto 

sopra un taccuino 

scordato in un cassetto.

Un libro è l’imperscrutata soglia,

lo sfaccettato enigma, 

è un brivido d’arsura,

aguzza  parabola, l’ignoto limbo.

Un libro è il ritorno alla memoria,

alla feconda azzurrità.

Thea Matera©️

Cosa ne pensi?

13 Blops
Blop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Estate

La finestra dei pensieri: silloge poetica